Lanciata la 3a edizione del Premio “Abitare bene a tutte le età”.

L’Associazione Generazioni & Sinergie e l’Associazione Ticinese Terza Età (ATTE), patrocinati dalla Fondazione Federico Ghisletta, stanno cercando progetti o realizzazioni di “luoghi di vita” dove gli aspetti intergenerazionali e l’attenzione a parametri di qualità di vita rispecchino determinati obiettivi.

L’edizione 2019 pone una maggior attenzione a criteri che potranno meglio incontrare sia le esigenze della popolazione ticinese di tutte le età sia quelle del nostro territorio anche tramite l’utilizzo ottimale del parco immobiliare esistente.

I dettagli e le condizioni si possono scoprire nel bando di concorso.

Qui si può scaricare la scheda di presentazione per partecipare al concorso.

 

Il Ticino deve cambiar rotta nel ambito delle proposte abitative!

Nel corso del 2018, G&S ha completato un censimento di una cinquantina di progetti abitativi nel nostro Cantone. La maggior parte di essi cavalca i modelli delle case per cosiddetti “anziani ancora autosufficienti”, con tutta una serie di servizi annessi, che tendono a ghettizzare sempre più i loro abitanti, isolandoli dalle altre generazioni e limitando così gli aspetti relazionali che sono invece una risorsa determinante per abitare bene.

Molti di questi progetti fra l’altro non riscontrano grande successo in un mercato dell’edilizia ormai più che saturo e ciò è attestato dalle crescenti e preoccupanti % di sfitto. Altro dato significativo è l’invecchiamento del parco immobiliare nel nostro Cantone, che richiede interventi: oltre il 45% è stato edificato prima del 1960!

Per queste ragioni, con questa terza edizione del Premio, Generazioni & Sinergie e ATTE intendono dare al territorio e ai suoi operatori un messaggio chiaro e in qualche modo “di rottura” rispetto ad una tendenza visibilmente in atto, che a loro avviso non corrisponde più ai bisogni dell’Abitare bene a tutte le età.

Rispetto alle precedenti edizioni e per tener conto di quanto sopra, questa edizione, che vedrà i Comuni come protagonisti, verrà valutata dalla Giuria con riferimento alla nuova edizione del Pentalogo e si caratterizzerà per i seguenti criteri:

1. NON necessariamente nuove costruzioni MA piuttosto ristrutturazioni, recupero di edifici esistenti (spesso vetusti o perfino a rischio di abbandono).

2. NON un’ubicazione qualsiasi MA realtà in nuclei abitativi ove può essere necessario e possibile ricostruire un tessuto sociale ed una dinamica di comunità;

3. NON per sole persone anziane MA anche per famiglie più giovani dove l’aspetto intergenerazionale può rappresentare una ricchezza per gli abitanti e per il parco immobiliare medesimo;

4. NON costruzioni di alto standing con pigioni costose MA realtà abitative che permettano l’insediamento e/o il mantenimento anche di persone e di nuclei familiari meno agiati, a condizioni economiche sostenibili, e con possibilità di gestione ottimale del mix generazionale (sul piano architettonico e di pianificazione di quartiere);

 

ATTE e Generazioni & Sinergie intendono appunto premiare i Comuni che presenteranno realtà o progetti abitativi con modelli di convivenza ritenuti innovativi ed in linea con le caratteristiche sopra elencate.